Cartografia e progettazione territoriale

Cartografia e progettazione territoriale

Dalle carte coloniali alle carte di piano

  • Curatori: E. Casti
  • Marchio:UTET Università
  • Anno:2007
  • ISBN:9788860081513
  • Pagine:256
  • Prezzo:€ 23,00

AcquistaRichiedi copia saggio Aggiungi ai preferiti

Abstract

La Terra è sotto l’occhio elettronico dei satelliti in orbita che trasmettono in permanenza informazioni su ogni angolo del mondo. La trasmissione istantanea dei dati permette di costruire migliaia di immagini organizzate in tavole, diagrammi, grafici. Qualunque dato registrato, può essere elaborato: è possibile conoscere l’estensione della superficie agricola irrigata della Sicilia o il grado di inquinamento del Reno. Eppure proprio tale saturazione informativa, che avrebbe, secondo alcuni, vanificato il ruolo della cartografia, al contrario, lo rilancia, assegnandole il compito di tradurre le fotografie satellitari rivolte agli esperti in strumenti alla portata di tutti. Ma il nuovo ruolo che essa svolge investe anche il mondo della progettazione territoriale: mediante nuove configurazioni grafiche, offerte dai sistemi GIS, traduce i principi della sostenibilità quali partecipazione, cogestione, sviluppo in strumenti per la pianificazione e la concertazione.
Questo libro traccia l’evoluzione storica dell’uso della cartografia nella progettazione dal colonialismo alla pianificazione sostenibile per riflettere sulle ragioni di questa costante presenza: la creazione di nuovi territori produce la richiesta di nuova cartografia in grado di trasmetterne il significato di volta in volta condiviso.
Il quadro che ne scaturisce, seppur composito e articolato, mostra la necessità di ripensare una cartografia riflessiva che si interroghi non solo sul come comunicare ma su cosa comunicare, consapevole del proprio potere e del ruolo sociale che è chiamata a ricoprire.