Pessimismo e verismo in Giovanni Verga

Pessimismo e verismo in Giovanni Verga

  • Autori: R. Luperini
  • Marchio:UTET Università
  • Anno:2009
  • ISBN:9788860082572
  • Pagine:240
  • Prezzo:€ 21,00

AcquistaRichiedi copia saggio Aggiungi ai preferiti

Abstract

«Il Verga si presenta come uno degli scrittori più inquieti e tormentati della nostra letteratura» così esordisce Romano Luperini nell’introduzione; «la sua opera sembra, almeno ad una prima indagine, non avere una precisa coerenza di svolgimento».
Pessimismo e verismo in Giovanni Verga, attraverso un’analisi critica accurata, ci restituisce invece una figura a tutto tondo, uno scrittore di livello (forse l’unico autore veramente europeo che conobbe l’Italia nella seconda metà dell’Ottocento) che «nella assoluta disperazione delle sue pagine migliori raggiunge toni di una grandezza desolata ma virilmente pugnace che solo in Machiavelli e in Leopardi possono trovare un termine di paragone».
Ma questo libro è molto di più. Scritto nel 1963 e pubblicato nel 1968, per rispondere sia alla critica idealistica (che voleva un Verga «idilliaco e cristiano») sia alla critica marxista (che «si era inventata un Verga populista e filo socialista»), è un’opera che fece scalpore e che diede il via a quel cosiddetto «caso Verga», inaugurando un’intensa e prolifica stagione culturale della nostra critica.